Bastian cuntrari

nipresa:

Comunque se il marito della Mussolini pagava minorenni per fare sesso è proprio un bel fesso: non ha letto sul Fatto Quotidiano che oggi è pieno di 15enni che la danno via come fossero fondi pubblici al grido di “sturami”?
Io passo tutte le mattine davanti alle superiori per andare in stazione e ho dovuto comprare un pungolo elettrico da bestiame per tenerle lontane le ragazzine.

gravitazero:

Secondo Repubblica, in questo momento un euro vale esattamente un euro e trentanove.
Non so voi, ma io questo pomeriggio vado a farmi un giretto in banca.

gravitazero:

Secondo Repubblica, in questo momento un euro vale esattamente un euro e trentanove.

Non so voi, ma io questo pomeriggio vado a farmi un giretto in banca.

spassky:

tiresia:

Cercasi bel ragazzo, atletico, sportivo, intelligente e abitante in Piemonte per la bellissima fogliadithe. Foglia è una ragazza bella, simpatica, con un fisico favoloso, insomma, una ragazza straordinaria. Ragazzi: non lasciatevela scappare. No, perché se quella scappa, lo so…

Io ho un gatto.

io abito in piemonte, ma mi sa che le altre caratteristiche….

gravitazero:

lanebbia:.

Di una brutta morte….

Tra la teoria e la pratica, bisogna attraversare un’immensa e sterminata vallata di porcoddio.
Western Blot (via spaam)
Non tutti sanno che…

yomersapiens:

Secondo un’antica leggenda scandinava, per riuscire a sconfiggere una opprimente ondata di caldo bisogna ripetere sedici miliardi di volte “fa caldo” ed è per questo che tutti continuano a dirlo e scriverlo in giro, perché è davvero utile e vedrai che così passa subito.

Grillo mi considera espressione della partitocrazia. Ma forse non è bene informato. Le sue affermazioni sono del tutto fuori luogo. Mi stupisce che possa dire questo. Io ho una storia che parla per me. Non sono mai stata iscritta a nessun partito.
Penso, però, che la democrazia ha bisogno dei partiti, ha bisogno dei sindacati, ha bisogno di scambio di opinioni. La politica è questo, la democrazia è confronto. Smantellare tutto non è più democrazia. Fa venire i brividi.

Laura Boldrini (via laninfadafne)

Prendere e tatuarlo in fronte ad ogni elettore di Grillo.

(via soggetti-smarriti)

google reader sarà disattivato

e io lo scopro ora, forse con ritardo, forse lo uso solo più io, non saprei. sicuramente qualcuno avrà già trovato valide alternative: consigli?

efattelaunacazzodirisata:

fede10100:

tamagotchikiller:

Oggi non è il 7 marzo, non compi 41 anni ma soprattutto quelle intorno ai miei occhi non sono lacrime. Tutto regolare. ♡

Non ricordavo fosse un mese più vecchio di me…
Bei tempi quando vi si veniva a vedere in quel centro sociale copia del liceo Carlo Cattaneo, il vecchio Cattaneo ovviamente!
Come si chiamava già?
Gabrio?
Esisterà ancora?

Io in quel liceo ci ho fatto l’anno di scuola più bello della mia vita.
Ma poi Samuel è morto? Un tempo ovunque ti girassi te lo trovavi vicino.

comunque sì, il Gabrio esiste ancora. ci sono passato di recente. e son tornato indietro di quasi vent’anni.

efattelaunacazzodirisata:

fede10100:

tamagotchikiller:

Oggi non è il 7 marzo, non compi 41 anni ma soprattutto quelle intorno ai miei occhi non sono lacrime. Tutto regolare. ♡

Non ricordavo fosse un mese più vecchio di me…

Bei tempi quando vi si veniva a vedere in quel centro sociale copia del liceo Carlo Cattaneo, il vecchio Cattaneo ovviamente!

Come si chiamava già?

Gabrio?

Esisterà ancora?

Io in quel liceo ci ho fatto l’anno di scuola più bello della mia vita.

Ma poi Samuel è morto? Un tempo ovunque ti girassi te lo trovavi vicino.

comunque sì, il Gabrio esiste ancora. ci sono passato di recente. e son tornato indietro di quasi vent’anni.

90° minuto

spaam:

È il 5 Marzo del 2013 ed io sto ancora aspettando le proiezioni al Senato delle 17.

Così mi chiedo: forse ci vorrebbe una bella analisi politica, ma chi c’ha voglia! E soprattutto, perché?

Che poi, a sto punto, che vorreste? Un governo Bersani di minoranza, pur di dare un senso di responsabilità verso la Nazione o un gran bel sti cazzi, ognuno si prenda le sue responsabilità e tra 6 mesi rivotiamo?

E poi perché Repubblica e Corriere capisco come andranno le prossime elezioni giusto 3 giorni dopo le votazioni? Fino a lunedì era un trionfo sicuro, c’era da capire solo se il PD avesse vinto da solo o con Monti. Da martedì facevano i vaghi con un bel “eh, però c’erano dei segnali importanti nell’aria”. Me l’immagino i segnali percepiti da quelli di Repubblica: Scalfari che non aveva ancora cagato da venerdì pomeriggio, Giannino che s’era ricordato di come il suo giornale non azzeccasse più una previsione elettorale dal 2001 e Saviano che twittava la vittoria del PD alle 15:46, basandosi sui soli dati degli Instant-poll che, immagino, erano stati sufficienti comunque, a riempirgli interamente il volume della sua capoccia.

Han vinto i grillini a cui però hanno vietato l’uso del termine “grillini”. Ma il risultato, eccezionale, non gli basta e puntano al voto anticipato. Forse farei la stessa cosa pure io. Il rischio è di vincere, da soli, le prossime elezioni, quindi perché immischiarsi in qualche governo politico? Poi con Bersani. Non durerebbe neanche se avesse la maggioranza lui stesso al Senato. 

Per il resto si è capito che gli elettori di sinistra finiscono al PD. Dopo si entra in una zona grigia fatta di nostalgici che votano i satelliti comunisti, grandi in media 80.000 voti. Su scala nazionale. Che i moderati, in Italia, non son mai esistiti se non sopra i titoli di Repubblica. Monti ce li ha raccolti tutti insieme e sono un 10% scarso della popolazione. 

Infine, che la maggioranza del Paese ha bisogno di sognare con un programma che sappia parlare alla loro pancia. Dal sogno del miracolo italiano a quello della democrazia dal basso. È una questione di Supercazzola. La migliore vince. Smacchiare il giaguaro era un’operazione fine a se stessa. Qual era il tornaconto per noi cittadini? Che prospettiva futura ci aspettava, una volta smacchiato il giaguaro?

A sto punto, non era meglio uno slogan tipo “Vi ridaremo gli anni ‘80”, quando Berlusconi faceva l’imprenditore in Mediaset e Grillo il comico di professione in Rai?

la ‘locura’, ecco.

son già passati dieci anni…

San Francisco for Dummies

nipresa:

quartodisecolo:

Ci siete stati? Ci vivete? Ci avete vissuto? Ne sapete a pacchi anche se non ci siete stati?

Questo è il momento di darmi suggerimenti su cosa fare e cosa vedere, tenendo conto che starò sei giorni, con un weekend in mezzo, e che sono lì per lavoro.

Fiori. Fiori nei capelli. Alla brutta nella barba, se i capelli sono troppo corti.
Ah, pare che chiamarla “Frisco” non si usi più dal ‘24.

(ci sarei anche stato, ma avevo 9 anni)

City lights bookstore e caffè trieste a north beach, certi pezzi di mission, una passeggiata a Nob hill o Russian hill (ci arrivi col cable, io sono stato fortunato e non ho dovuto aspettare molto). E poi, bè, CHinatown, Height-Ashbury ecc. Ad agosto il golden gate bridge era avvolto nella nebbia.

iceageiscoming:

bastiancuntrari:

kon-igi:

iceageiscoming:

Lo dico oggi, perché dopo sarebbe troppo facile.

Quelli che domani andranno a contestare la manifestazione di Casa Pound (e buscarsi probabilmente un sacco di legnate) non sono meno fascisti di quei fascisti che con il loro antifascismo vogliono combattere.

Rebloggo perché provo questa sensazione in continuazione: a livello di confronto di idee sono come quello che alza le spalle nella certezza di non voler continuare a discutere con certe persone e quando fa per andarsene sente un ultimo commento idiota e salta addosso all’interlocutore. E naturalmente non la considero una vittoria.
Internet ha il vantaggio di poter far sbollire la mia rabbia con due o tre pugni sulla tastiera e farmi poi interloquire in maniera similmente civile.

Però forse andare lì per far vedere che non si è d’accordo non è essere più fascisti di loro.

È così bella questa frase che non la voglio commentare.

Dico solo che quasi quasi mi ha fatto venir voglia di andare lì per far vedere a quelli che sono andati lì per far vedere che non sono d’accordo con quelli che manifestano lì, che non sono d’accordo con loro. Però poi verrà lì qualcun altro che non è d’accordo con me a farmi vedere che non è d’accordo che io sia andato lì a far vedere che non sono d’accordo con quelli che sono andati lì per far vedere che non sono d’accordo con quelli che lì manifestavano, ma io non sarei d’accordo e dovrei andare lì due volte, sdoppiandomi, per far vedere che non sono d’accordo con chi è venuto lì per farmi vedere (a me e a tutti gli altri) che non è d’accordo che io sia andato lì a far vedere che non sono d’accordo con quelli che sono andati lì per far vedere che non sono d’accordo con quelli che lì manifestavano e che ormai non caga più nessuno. E mi sentirei molto coglione assieme ad un sacco di coglioni, perché non è che il pluralismo sia “ognuno può dire quel cazzo che gli pare*” ma che “ognuno può dire quel cazzo che gli pare* senza che nessuno gli cachi lo cazzo”.

*(entro certi limiti: la legge)

quindi tutti a casa. non importa. ho sbagliato io.

kon-igi:

iceageiscoming:

Lo dico oggi, perché dopo sarebbe troppo facile.

Quelli che domani andranno a contestare la manifestazione di Casa Pound (e buscarsi probabilmente un sacco di legnate) non sono meno fascisti di quei fascisti che con il loro antifascismo vogliono combattere.

Rebloggo perché provo questa sensazione in continuazione: a livello di confronto di idee sono come quello che alza le spalle nella certezza di non voler continuare a discutere con certe persone e quando fa per andarsene sente un ultimo commento idiota e salta addosso all’interlocutore. E naturalmente non la considero una vittoria.
Internet ha il vantaggio di poter far sbollire la mia rabbia con due o tre pugni sulla tastiera e farmi poi interloquire in maniera similmente civile.

Però forse andare lì per far vedere che non si è d’accordo non è essere più fascisti di loro.